ottimizzare campagna google ads

10 consigli per ottimizzare la tua campagna Google Ads nel 2021

Stai cercando di attirare lead di alta qualità per la tua attività?

Con la pubblicità pay-per-click (PPC), puoi posizionare i tuoi annunci nei risultati di ricerca di Google o far visualizzare i tuoi banner in giro per il web, indirizzando i potenziali clienti direttamente al tuo sito web.

Sapere come acquisire traffico profilato a pagamento tramite il PPC può fare la differenza quando si vogliono trasformare i visitatori in vendite.

Statisticamente, i visitatori del sito web provenienti dal PPC hanno il 50% di probabilità in più di effettuare un acquisto rispetto ai visitatori organici.

Senza una strategia, tuttavia, potresti finire per spendere più soldi di quelli che guadagni. Hai bisogno del giusto mix di esperienza e know-how per creare un’offerta PPC vincente.

Continua a leggere per scoprire 10 suggerimenti per l’ottimizzazione intelligente di una campagna Google Ads: potrai raggiungere nuovi clienti, far crescere la tua attività e guadagnare senza sprecare soldi.

1. Mantieni la campagna Google Ads focalizzata sugli obiettivi

Il primo passo per una campagna Google Ads efficace è avere un obiettivo in mente.

Se hai già campagne attive, dedica del tempo ad esaminarle.

L’ottimizzazione di Google Ads ti aiuterà a evitare di sprecare denaro in campagne che non raggiungono i tuoi obiettivi.

Quali sono gli obiettivi di una campagna Google Ads?

  1. Aumentare il traffico del sito web
  2. Migliorare la consapevolezza del brand
  3. Ricevere più telefonate
  4. Aumentare le vendite (o più genericamente le conversioni)

Dopo aver determinato i tuoi obiettivi, è più facile fare la ricerca delle parole chiave per quella campagna e assicurarti che la campagna sia ottimizzata per raggiungere lo scopo.

Solo così saprai se la tua campagna funziona oppure no.

2. Studia come ti cercano i tuoi clienti

Le tendenze del mercato emergono durante tutto l’anno. Alcune tendenze possono indurre i tuoi clienti a eseguire ricerche in modo diverso.

Ad esempio, più persone utilizzano assistenti vocali come Alexa e Siri. Si prevede che le ricerche vocali rappresenteranno il 50% di tutte le ricerche quest’anno. Queste ricerche potrebbero influire sulle tue campagne.

Per l’ottimizzazione delle tue campagne PPC per la ricerca vocale, cerca le query di ricerca utilizzate dai tuoi clienti.

Queste query sembrano più colloquiali e dovresti prenderle in considerazione quando scrivi i tuoi annunci.

Assicurati di stare al passo con altre tendenze PPC, tra cui:

  1. Intelligenza artificiale
  2. Annunci a pagamento in Amazon
  3. Annunci responsive della rete di ricerca
  4. Ricerca visiva (ricerca di video e immagini correlate)

Queste tendenze in atto richiederanno di monitorare e ottimizzare le campagne Ads durante tutto l’anno.

3. Crea campagne ben strutturate

Non inserire tutte le tue parole chiave in una singola campagna perché potrebbe influire negativamente sulla CTR (click through rate), la percentuale di click, che determina il punteggio di qualità.

Un punteggio di qualità scadente farà sì che i tuoi annunci vengano visualizzati più in basso nei risultati della ricerca (o che non vengano pubblicati affatto): meno persone vedranno i tuoi annunci.

Per completare l’ottimizzazione della campagna Google Ads, organizza le tue parole chiave in gruppi di annunci e crea più campagne per ogni obiettivo.

Migliore è il rapporto tra le tue parole chiave, maggiori sono le probabilità di ricevere clic e soprattutto clic di clienti interessati all’acquisto.

4. Gestisci le parole chiave a corrispondenza inversa

Quando crei le tue campagne Google Ads, assicurati di esaminare regolarmente le query di ricerca.

Le query di ricerca indicano ciò che le persone hanno cercato prima di fare clic sui tuoi annunci.

Potresti scoprire che alcune query di ricerca hanno poco a che fare con la tua attività (e quindi non ricevi traffico di qualità).

Aggiungendo parole chiave a corrispondenza inversa (negative keys) alle tue campagne, puoi evitare di apparire per quelle ricerche ed evitare i clic che ti fanno solo sprecare soldi. Se non hai tempo o non sei in grado di farlo, puoi sempre affidarti ad una web agency che abbia esperienza nella gestione delle campagne pubblicitarie su Google.

5. Testa la qualità del tuo annuncio

Google ora ti consente di aggiungere numerosi titoli e descrizioni e di combinarli tra loro per vedere quali hanno il rendimento migliore per il tuo pubblico.

Puoi fare anche A / B test per testare il copy dell’annuncio. Prova diversi titoli, descrizioni e cambia il testo della Call to Action; in questo modo potrai migliorare i tuoi annunci per ricevere più clic sul tuo sito.

6. Controlla le tue pagine di destinazione (landing page)

Una volta che le persone fanno clic sui tuoi annunci, arriveranno alla tua pagina di destinazione.

Se la tua pagina di destinazione non è ottimizzata, l’esperienza dell’utente (UX) sarà negativa, il punteggio di qualità basso e il risultato finale scarso.

Durante il processo di ottimizzazione della campagna Google Ads, assicurati di esaminare le tue landing page.

Per esempio, assicurati che il tuo sito si carichi rapidamente altrimenti i visitatori se ne andranno subito.

Successivamente, assicurati che il linguaggio (tone of voice) dell’annuncio rifletta il linguaggio della pagina di destinazione. Se il messaggio è diverso, potresti finire per confondere i visitatori.

Usa le tendenze del web design minimalista per rendere il tuo sito facile da usare e navigare.

7. Automatizza

Risparmia tempo e fatica automatizzando le tue campagne (ma non fidarti troppo del “pilota automatico”).

L’apprendimento automatico ti consentirà di trasferire più lavoro possibile alle macchine.

L’algoritmo di Google apporterà miglioramenti per te, così potrai aumentare il tuo ritorno sull’investimento (ROI).

Tieni a mente che, per quanto performante, l’algoritmo di Google non potrà sostituire la tua esperienza e la conoscenza che hai del tuo business e dei tuoi clienti: usalo con giudizio!

Prenditi il tempo necessario per esaminare i suggerimenti di Google mentre ottimizzi la tua campagna Google Ads.

8. Aggiungi annunci video

5 utenti su 10 cercano contenuti video prima di visitare un negozio. Per ottimizzare le tue campagne Google Ads, prova ad aggiungere annunci video.

I video possono aiutarti a mantenere i consumatori interessati e coinvolti.

Quindi, completa i tuoi contenuti video con un forte invito all’azione per incoraggiarli a convertire sul tuo sito.

9. Assicurati di attivare il Remarketing

Non trascurare il Remarketing: una tecnica Ads efficace che ti consente di apparire (mediante annunci e banner) ai clienti che hanno già visitato il tuo sito web.

Il Remarketing ti offre una seconda possibilità!

Assicurati di creare annunci di Remarketing distinti e una pagina di destinazione (landing page) ottimizzata.

10. Conosci il tuo pubblico target

Prima di iniziare una campagna PPC, devi sapere chi stai cercando di raggiungere.

Prenditi il tempo necessario per conoscere il tuo pubblico di destinazione. Chi sono, quali problemi affrontano ogni giorno e…a cosa sono interessati?

Innanzitutto, prova a creare buyer personas. Separa il tuo pubblico di destinazione in base a:

  1. Età
  2. Genere
  3. Stato civile
  4. Reddito familiare
  5. Comportamento durante l’acquisto
  6. Interessi

I tuoi clienti non sono tutti uguali. Segmentare il tuo pubblico in base a queste caratteristiche ti aiuterà a scrivere annunci che si adattano meglio alle loro esigenze.

Assicurati di conoscere anche le parole chiave utilizzate dai tuoi clienti durante una ricerca.

Puoi utilizzare Google Keyword Planner, Google Trends o Seo Zoom per conoscere i tuoi clienti.

A questo punto puoi creare annunci iper-mirati che si concentrano sulle esigenze e sui desideri dei tuoi clienti.

Gli annunci pertinenti per il cliente hanno maggiori probabilità di attirare la sua attenzione.

Bonus: Targeting geografico

Se scegli come target più paesi o più aree geografiche, assicurati di utilizzare anche il targeting geografico.

Dopo tutto, non tutti parlano la stessa lingua. Ciò significa che i consumatori cercheranno parole chiave diverse in base alla località in cui vivono. Non riuscire a indirizzare i clienti in base alla loro posizione geografica potrebbe causare una perdita di denaro.

Crea una campagna per ogni paese a cui ti rivolgi. In questo modo, avrai i dati per ogni località. Ciò ti consentirà di prendere decisioni informate e ottimizzare le campagne indipendentemente l’una dall’altra.

Conclusione

Con questi 10 suggerimenti, potrai ottimizzare la tua campagna Google Ads e prepararti per il successo.

L’ottimizzazione di Google Ads ti aiuterà ad attirare più clienti e ad aumentare le tue vendite!

Pronto per iniziare? Siamo qui per aiutarti. Pianifica oggi stesso una chiamata strategica con il nostro team per scoprire la strategia giusta per la tua azienda.