seo vs campagna ppc

SEO vs PPC: chi vince la sfida?

Sei incuriosito dall’eterno dibattito tra SEO e PPC? Tranquillo… non sei il solo.

I responsabili marketing dei grandi brand combattono costantemente per trovare la sinergia perfetta tra la loro strategia SEO e PPC e per fornire il miglior ROI (Ritorno sull’Investimento) per le loro aziende.

Il tuo sito web sfrutta già l’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) e stai investendo già in pubblicità pay-per-click (PPC).

Ti piace ciò che la SEO offre per il tuo brand, poiché puoi sfruttare la ricerca organica in modo conveniente. D’altra parte, ti piace che il PPC produca conversioni non appena pubblichi annunci per un nuovo prodotto.

Sai che entrambi gli strumenti di marketing generano risultati: ma conosci il ROI specifico di ognuno dei due?

E, domanda ancora più importante: sai come combinarli per massimizzare le entrate per il tuo business?

Esaminiamo i pro e i contro della SEO organica e delle campagne PPC in modo da poter creare il giusto mix per ottimizzare il tuo investimento nel marketing digitale.

Pro e contro dell’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO)

La SEO (Search Engine Optimization) si riferisce alle strategie e tattiche che rendono il tuo sito web il più possibile gradito ai motori di ricerca.

Un piano SEO eseguito correttamente aiuta il tuo sito web a posizionarsi più in alto nei risultati di ricerca organici per una serie di query scelte strategicamente.

Ogni volta che un utente cerca una frase in Google, è compito di Google offrire le pagine più utili, pertinenti e affidabili correlate a quella ricerca.

In qualità di esperto SEO, è tuo compito assicurarti che i tuoi contenuti appaiano nell’elenco dei primi 10 risultati di Google per tali intenti di ricerca.

Le strategie SEO includono in generale:

  • Ricerca di parole chiave attinenti alla tua attività
  • Analisi competitiva delle chiavi trovate
  • SEO tecnica (struttura e velocità del sito)
  • SEO On-Page (ottimizzazione sui contenuti della pagina web)
  • Controllo dei contenuti
  • Scrittura in ottica SEO per soddisfare certi intenti di ricerca
  • SEO Off-page (per rafforzare la percezione di autorità del tuo sito)

Se fatta bene, la SEO presenta il tuo prodotto agli utenti in ogni fase del percorso di acquisto del cliente. Di conseguenza, sarai visto come una risorsa familiare e affidabile per i consumatori o le aziende.

I vantaggi della SEO sul PPC

La SEO è altamente redditizia

Hai mai confrontato i risultati della ricerca organica con quelli a pagamento? Piano piano, è probabile che la SEO diventi uno dei veicoli più redditizi nel tuo marketing mix. A lungo termine, è molto più redditizia di una campagna PPC.

L’ottimizzazione per i motori di ricerca migliora una metrica aziendale decisamente cruciale: il valore dell’esperienza del cliente sul tuo sito.

Qualsiasi esperto di digital marketing potrà confermare che i clienti provenienti da traffico SEO sono molto più coinvolti e mostrano una maggiore fedeltà al brand rispetto a quelli provenienti dai canali a pagamento.

La SEO è altamente scalabile

Che tu abbia un sito web con poche pagine o un portale con migliaia di pagine, una struttura SEO ben organizzata andrà a vantaggio delle tue pagine web esistenti e dei contenuti futuri senza altro lavoro aggiuntivo.

La SEO è attiva H24

La più grande differenza tra SEO e PPC è che il posizionamento organico del tuo sito web funziona 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Non è necessario investire su ulteriori spese pubblicitarie perché i risultati ottenuti dalle ricerche organiche fungeranno da promozione costante per il tuo brand.

La SEO fornisce risultati a lungo termine

Quando la tua attività SEO produce una buona visibilità nei risultati di ricerca organici, il tuo marchio ne trae vantaggio non solo oggi, ma a lungo termine. La buona visibilità della ricerca organica per mesi e anni aumenta il ROI dei tuoi investimenti SEO in modo esponenziale.

La SEO migliora la consapevolezza del brand

Quando domini la ricerca su Google, le persone ti considerano un leader di settore. Infatti, la semplice presenza delle tue pagine web nella prima pagina dei risultati di Google aumenta la fiducia nei tuoi confronti agli occhi del tuo pubblico.

Grazie alla SEO puoi posizionarti per diverse parole chiave a costo zero

Se ottimizzi correttamente i tuoi contenuti, una pagina può potenzialmente occupare i risultati della prima pagina di Google per diverse parole chiave.

Ad esempio, se ti aggiudichi lo snippet in primo piano (il così detto Risultato Zero), il tuo sito comparirà in 2 punti; se lavori per comparire anche nella sezione “Ricerche Correlate”, potresti potenzialmente avere anche un terzo posto in prima pagina.

La SEO ti mantiene in contatto con il tuo cliente lungo tutto il Funnel di vendita

Vuoi affiancare i tuoi clienti dall’inizio alla fine del loro processo di acquisto?

Comincia con l’ottimizzare i tuoi contenuti per gli argomenti correlati alla ricerca principale (quelli più generici ed informativi) e per parole chiave a coda lunga, poi per i contenuti per i termini di ricerca che stanno a metà del funnel (quelli più vicini all’intento di acquisto) così il tuo prodotto può apparire quando il tuo pubblico inizia a restringere il suo ventaglio di opzioni per l’acquisto.

Infine, la parte inferiore della canalizzazione SEO ti aiuta a controllare la decisione finale di acquisto del tuo cliente.

La SEO scatena la creatività del tuo brand

Con i risultati di ricerca organici, puoi davvero attingere alla creatività del tuo team per ottenere un vantaggio sulla concorrenza.

Dai uno sguardo a queste idee per scrivere per scrivere contenuti che possono farti guadagnare ulteriori posizioni nei risultati di ricerca organici:

  • Scrivi post di lunga durata (evergreen)
  • Pubblica rapporti di ricerca personalizzati (studi, statistiche…)
  • Progetta infografiche esplicative
  • Gira un video e rendilo virale

Inoltre, i risultati di ricerca organici differenziano il tuo brand e mostrano il tuo valore e la tua personalità.

Il ROI per i contenuti SEO aumenta nel tempo

Prendi 100 Euro. Ora aumentali del 20% ogni giorno per un mese. Dopo 5 giorni, hai 207€, dopo 10 giorni, hai 516€. Quanto pensi di avere alla fine del mese? Che ci creda o no, il totale arriverebbe a 23.738€, con un aumento di oltre il 23.600%.

Il ritorno sull’investimento (ROI) dai contenuti SEO funziona, nel tempo, allo stesso modo. Mano a mano che rafforzi la tua credibilità e autorità, tutti i tuoi contenuti (anche quelli scritti in passato) ne trarranno vantaggio. Di conseguenza, le tue nuove pagine, post e altri contenuti saranno più in alto con meno sforzo, grazie al lavoro fatto in precedenza.

Quali sono i contro di una strategia SEO?

Le strategie SEO richiedono tempo

Non c’è modo di aggirare questo ostacolo. Una buona strategia SEO richiede lavoro e i risultati richiedono tempo per concretizzarsi. Qui sta il punto cruciale del dibattito SEO vs PPC: i risultati della campagna PPC sono immediati, ma svaniscono se non metti benzina nel motore.

La SEO richiede tempo, ma continuerai a vedere il ROI anche molto tempo dopo il tuo investimento: a volte questi risultati possono continuare per anni.

Quanto tempo ci vuole per vedere i risultati? Dipende da una serie di fattori, tra cui la forza del tuo dominio e la tua strategia SEO. Ma di solito ci vogliono almeno 6 mesi di lavoro costante prima di iniziare a vedere i risultati della SEO.

Tuttavia, una volta che avrai fatto i seguenti passi…

  • Ottimizzare il tuo sito web
  • Scegliere gli argomenti e le parole chiave giusti per il tuo target
  • Pubblicare contenuti accattivanti e di qualità
  • Sfruttare le campagne di content marketing per guadagnare backlink credibili e pertinenti

…dovresti raggiungere risultati più rapidamente in futuro, a volte addirittura entro settimane o pochi giorni.

L’algoritmo di Google cambia nel tempo

Con le modifiche periodiche all’algoritmo di Google, potrebbe essere necessario modificare alcuni aspetti della tua strategia SEO di tanto in tanto. Quindi, invece di una strategia “imposta e dimentica”, dovresti monitorare le pagine e i posizionamenti costantemente e ottimizzarle di conseguenza.

Pro e contro di una campagna PPC

Se la SEO è il processo di posizionamento organico nei risultati di ricerca, la campagna pay per click o pubblicità PPC che utilizza Google Ads, è il processo di acquisizione di traffico a pagamento per essere in cima (o magari in fondo) alle SERP, negli spazi riservati agli annunci.

Le campagne pubblicitarie PPC ti consentono di avere il pieno controllo sugli annunci e sul budget pubblicitario ma funzionando con il meccanismo delle aste e non ti permettono di scegliere quando ed esattamente dove verranno visualizzati i tuoi annunci.

Analogamente alla SEO, le attività PPC includono ricerca di parole chiave e analisi della concorrenza oltre ovviamente all’organizzazione dell’account, alla gestione delle campagne e alla gestione delle offerte.

E non dimenticarti del testo pubblicitario, dello sviluppo della pagina di destinazione (landing page), dei test e di altro ancora.

La campagna PPC è altamente basata sull’analisi dei dati, quindi è importante per uno specialista PPC monitorare il rendimento costantemente, perfezionando le parole chiave, i gruppi di annunci e il copy degli annunci sforzandosi di aumentare i tassi di conversione e ridurre il costo medio per i clic (CPC).

Vantaggi di una campagna PPC sulla strategia SEO

Risultati quasi immediati

Ci vuole un po’ di tempo per fare la ricerca iniziale delle parole chiave e impostare una nuova campagna o un gruppo di annunci, ma i risultati che vedrai con il PPC sono rapidi una volta avviata la campagna.

Indipendentemente da come andranno le cose a lungo termine, ci sono ragioni logiche per considerare i risultati a breve termine della ricerca a pagamento piuttosto di quelli a lungo termine dell’ organica.

Potresti voler promuovere un nuovo prodotto, prepararti per uno specifico periodo dell’anno (Natale, Estate, San Valentino…) o programmare una promozione.

Potresti semplicemente voler occupare più posti nelle SERP di Google, oppure potresti semplicemente desiderare una rapida visibilità mentre aspetti che il tuo lavoro SEO a lungo termine dia i suoi frutti.

Dati a portata di mano

Se sei abituato a leggere i dati, ti sentirai a casa con il PPC. Proprio per l’immediatezza dei risultati e della specificità della campagna che stai pubblicando, sarai in grado di ottenere un’immagine chiara del ROI della tua campagna PPC.

Non solo i dati PPC sono più chiari per natura, ma Google è anche più trasparente con i suoi dati PPC che con i suoi dati SEO in quanto tende a premiare i suoi clienti paganti con informazioni utili su cui possono lavorare per eseguire una campagna senza problemi.

Targeting del pubblico

Vuoi scegliere come target indirizzi email specifici o segmenti di pubblico simili? Forse desideri reindirizzare gli utenti che eseguono determinate ricerche? O forse desideri reindirizzarli verso app o video di YouTube correlati ai loro interessi? Puoi fare tutto questo se usi PPC.

Nel caso in cui desideri eseguire campagne con messaggi mirati in località specifiche, il PPC è il tuo punto di partenza.

Hai la possibilità di mostrare determinati annunci in una zona, visualizzando contemporaneamente altri annunci in una località diversa. Desideri avere 50 campagne diverse indirizzate a 50 località diverse? Con il PPC, questo non è un problema.

Quali sono i contro delle campagne PPC?

Pochi soldi, pochi risultati

Parliamo di annunci a pagamento, quindi mentre potresti essere in grado di tirare una leva e vedere i risultati, non appena smetti di tirare quella leva, il tuo traffico è andato.

Ciò significa che se è necessario ridurre il budget o interrompere del tutto le campagne, il tuo sito web subirà le conseguenze della perdita immediata del traffico di conversione.

La SEO invece, non è come una leva da tirare ma più simile ad un grande masso su un pendio in discesa: ci vuole un po’ di forza per farlo muovere, ma continua a rotolare a lungo dopo che hai smesso di spingere.

La campagna PPC è un investimento da pianificare con cura

Il PPC richiede una spesa pubblicitaria significativa. Nessuna spesa? Nessun annuncio e nessun risultato.

Inoltre, il costo per click è in aumento da anni, il che significa che anche solo la generazione di un clic (indipendentemente dal fatto che sia di qualità o che diventi un lead o effetti un acquisto), richiede un investimento maggiore ora rispetto al passato.

Inoltre, il PPC è un processo di messa a punto costante perché i tuoi specialisti testano offerte, testi pubblicitari, parole chiave, pagine di destinazione e impostazioni della campagna continuamente, fino a quando gli annunci non raggiungono il giusto equilibrio.

Ciò significa che non puoi aspettarti di avere un ROI perfetto ed è possibile che spenderai un po’ più di quanto pianificato mentre sperimenti i tuoi annunci.

Fa tutto parte del processo, ma è uno dei motivi per cui il PPC richiede un investimento economico maggiore di quanto ci si potrebbe aspettare.

Il costo per acquisizione cliente può aumentare

Le campagne di acquisizione traffico a pagamento eseguite tramite PPC hanno un costo variabile nel tempo.

Se molte grandi aziende del tuo settore spendono mensilmente grandi cifre in PPC, i costi di acquisizione saliranno, trattandosi di un meccanismo che funziona come un’asta.

Conosci il Banner Blindness?

Il “Banner Blindness” è il fenomeno per il quale i visitatori di un sito web finiscono per ignorare in maniera più o meno conscia banner pubblicitari o e altre forme di annunci simili.

Molte persone che navigano in internet sono ormai abituate agli annunci online e dopo aver passato anni a vedersi ingolfare le pagine con messaggi non richiesti hanno imparato ad ignorarli automaticamente durante la lettura.

Ciò influisce anche sui risultati della ricerca; ci sono studi di tracciamento oculare che rivelano che la maggior parte delle persone salta i risultati a pagamento nella parte superiore delle SERP e passa direttamente ai risultati organici.

Per questo motivo è importante attivare una strategia SEO insieme ad una campagna PPC: 2 risultati nella stessa pagina di ricerca (quello a pagamento e quello organico) rafforzano la percezione del brand e aumentano la probabilità di essere cliccati.

Confronto SEO vs PPC: risultati organici contro risultati a pagamento

Percentuali di clic SEO vs PPC

Per prima cosa, la differenza nella percentuale di clic tra marketing organico e marketing a pagamento è drastica: la ricerca organica produce un CTR (percentuale tra visualizzazioni e click) molto più elevato rispetto agli annunci di ricerca a pagamento.

Se stai cercando di massimizzare il traffico del tuo sito web, la SEO sembra essere la scelta più affidabile.

ROI SEO vs ROI PPC

Abbiamo visto che le percentuali di clic SEO sono superiori a quelle del PPC, il che significa che la SEO ha il potenziale per indirizzare volumi significativamente più alti di traffico verso il tuo sito. Inoltre, il tuo costo per acquisizione (CPA) sarà molto più basso utilizzando una strategia SEO rispetto ad una campagna PPC.

Quindi, se attualmente spendi molto per la ricerca a pagamento, imparare a migliorare i risultati SEO apporterà notevoli vantaggi ai tuoi profitti. Immagina solo che potresti ridurre il tuo CPA del 60%, 70% o anche più dell’80% dominando la ricerca organica riducendo quindi la spesa PPC.

Se oggi non sei forte nella SEO, puoi comunque pianificare di lavorare pesantemente su questo aspetto.

Man mano che inizi a ottenere risultati organici migliori, sarà più redditizio concentrarti sempre di più sulla SEO e fare sempre meno affidamento sulla ricerca a pagamento. Questo tipo di processo in più fasi può richiedere tempo, ma è più redditizio per te.

Al fine di ottenere il miglior ritorno sull’investimento (ROI) possibile dai tuoi sforzi SEO, ti consigliamo di impegnarti nella SEO per l’intero processo di acquisizione di un cliente (funnel), catturando coloro che possono essere interessati ai tuoi prodotti o servizi ma che ancora stanno nella fase di ricerca iniziale e poi coloro che sono interessati ad acquistare proprio ora.

SEO o PPC, cos’è meglio per il mio business?

Se hai letto tutto fino a qui, immagino che tu voglia sapere chi è il vincitore definitivo della sfida.

La risposta migliore per molte aziende è: “Perché non creare una sinergia tra strategia SEO e campagna PPC?”

L’integrazione tra SEO e PPC ti consente di occupare più spazio nelle SERP di Google, in questo modo PPC e SEO lavorano insieme per spingere via la concorrenza e creare una migliore consapevolezza del tuo brand.

Di conseguenza, puoi massimizzare il ROI del marketing utilizzando entrambe le strategie in tandem.

La SEO è chiaramente l’opzione migliore per il tuo traffico a lungo termine, le conversioni e il ROI e, con la posizione che consoliderai nel tempo, più sei forte nella SEO, maggiori saranno i vantaggi che otterrai.

La ricerca organica copre anche una varietà di contenuti come pagine web, post di blog, video, podcast, infografiche, presentazioni, rapporti, ecc.. Ciò consente al tuo team di essere creativo e mostrare la differenziazione e la personalità del tuo brand in modo più efficace rispetto a PPC.

Tuttavia, questo non vuol dire che non ci sia posto per una campagna PPC.

La ricerca a pagamento è l’opzione migliore nel caso di una promozione a breve termine o dove hai bisogno improvvisamente di risultati immediati per ritornare dall’investimento e pianificare una strategia di lungo termine.

Quindi non pensare di dover scegliere tra SEO e PPC.

Piuttosto, comprendi i loro pro e contro e sfrutta il giusto mix per i tuoi obiettivi di marketing. Se lo fai, otterrai un ROI sia a breve che a lungo termine.