Nel mondo della SEO, è molto facile parlare di redirect 301, ma non tutti sanno esattamente di cosa si tratta, per cosa serve e, soprattutto, quali vantaggi o svantaggi ha. In questo articolo cercherò di spiegarti in maniera dettagliata come fare un redirect permanente, cioè il reindirizzamento della url di una pagina web verso un’altra.

Cos’è un Redirect 301?

Per quelli come te che non hanno familiarità con i reindirizzamenti, in primo luogo voglio spiegare in modo generale cosa sono e per cosa sono utilizzati, in modo tale da rendere l’articolo meno teorico e più vicino ai lettori.

In poche parole, i reindirizzamenti inviano automaticamente i visitatori da un sito web ad un altro oppure da una pagina web ad un’altra.

Tipi di Redirect

Nella SEO, esistono principalmente due tipi di redirect:

Redirect 302

I redirect 302 sono dei reindirizzamenti temporanei e dunque, quando Google li scansionerà, interpreterà questa azione come un passaggio temporaneo.

Redirect 301

I redirect 301 invece, sono delle conversioni permanenti e quindi in questo caso i reindirizzamenti sono definitivi.

In questa circostanza, quando Google effettua la scansione, interpreterà che la URL1 diventerà definitivamente la URL2, passando tutto il juice (il valore della pagina) da un sito all’altro.

Come fare un Redirect 301

Per poter reindirizzare 301 è necessario avere accesso al file .htacces del tuo hosting o server. Si tratta di un file di configurazione che i server Apache hanno (utilizzato dalla maggior parte dei provider di hosting) per definire principalmente il comportamento di un sito Web quando riceve i visitatori.

Nel caso di reindirizzamenti 301, ad esempio, al file vengono aggiunte alcune righe per reindirizzare automaticamente l’utente dalla URL 1 alla URL 2.

Questo è un esempio della linea aggiunta al file .htaccess di My Web Positioning per eseguire un reindirizzamento 301.

Guarda questo semplice esempio:

  • Redirect 301 /creare-un-redirect-301/
  • https://www.miosito.it/come-creare-un-redirect-definitivo/

In questo modo saprai cosa devi aggiungere esattamente al tuo file .htaccess in base al tipo di reindirizzamento che vuoi fare.

Mi raccomando, per evitare problemi, fai sempre un backup del file!

Il potenziale non sfruttato del redirect 301

Finora è abbastanza chiaro che i reindirizzamenti 301 sono utili a cambiare proprietà e allo stesso tempo sono molto utili per non perdere il juice (il valore trasmesso), ma… servono solo per questo?

La mia personale risposta è no, essi sono molto più utili di quello che puoi pensare.

I redirect 301 sono un’arma molto potente nelle mani di un consulente SEO che vuole fare la guerra ai motori di ricerca.

Si perde valore o “link juice” in un redirect?

Quando esegui un redirect 301, c’è il rischio di perdere il valore (chiamato anche “link juice”) del dominio precedente e di non passarlo completamente al nuovo sito web.

Generalmente, questo accade di solito quando facciamo un reindirizzamento 301 di un dominio di un argomento reindirizzandolo a un altro che non ha molta attinenza, poiché in questi casi Google interpreterà il passaggio che stiamo facendo come un inganno.

Ci sono anche altri casi in cui, sebbene l’argomento di entrambi i siti sia lo stesso, se il sito web a cui si sta per reindirizzare non ha abbastanza autorità oppure è penalizzato, forse il reindirizzamento potrebbe darci un problema più che un vantaggio.

Casi in cui nessun Link Juice è perso

I casi dove si reindirizza un sito web verso un altro con una tematica molto simile vanno abbastanza bene, soprattutto se il sito web che riceve il reindirizzamento ha una buona autorità ed è “sano” agli occhi di Google in quanto sarà qualcosa di molto positivo.

Tempo in cui viene trasferito il Link Juice

Nella maggior parte dei casi, già dalla prima settimana si possono notare gli effetti dei reindirizzamento.

Tuttavia, il trasferimento completo della valore del sito può avvenire anche dopo 3 mesi.

Precauzioni per evitare una penalizzazione del redirect

Quando eseguiamo un redirect 301, rischiamo di essere penalizzati come con qualsiasi altra azione SEO che facciamo, poiché con questa operazione cerchiamo di manipolare i risultati di ricerca di Google.

Se reindirizziamo un sito web 1 al sito web 2 e vogliamo anche che tutti i contenuti del primo sito vengano aggiunti al secondo sito, dovremo stare attenti con la struttura degli URL in modo che quando si passa da un sito web a un altro non generi errori 404.

Questo sarebbe fatale per il nostro posizionamento soprattutto con i siti di grandi dimensioni.

Dobbiamo anche stare attenti con le anchor text poiché quando si reindirizza un sito web verso un altro, rischiamo di ottenere una sovra-ottimizzazione delle anchor text che allerterebbe Google Penguin …

Quando un Redirect 301 può penalizzarci

Un redirect 301 può penalizzarci per 2 motivi:

  • Quando commettiamo gli errori che abbiamo precedentemente elencato (errori 404, contenuti duplicati, sovra-ottimizzazione di anchor text, ecc.)
  • Quando abusiamo troppo dei redirect 301 proprio come succede con la link building.

Ogni passaggio nella SEO, se fatta nella giusta dose va bene, ma abusare crea sempre problemi con Google.

Come utilizzare un Redirect 301 per migliorare la SEO del nostro sito web

Redirect di domini scaduti o non rinnovati

Una delle grandi strategie che possiamo eseguire con redirect 301 è reindirizzare i domini scaduti al nostro sito web.

Possiamo cercare di ottenere domini scaduti con ottimi collegamenti del nostro stesso argomento e reindirizzare questi domini al nostro sito web per ottenere tutto il potenziale o “link juice” di tali collegamenti.

Progetti web paralleli

In alcune occasioni, ho creato diversi progetti paralleli sullo stesso argomento posizionandoli entrambi nelle serp di Google, ma non sempre sono riuscito a ottenere quello che volevo.

Quindi, perché non unire le forze di entrambi i domini?

Puoi reindirizzare il sito web con il peggior posizionamento sul web verso il sito web che ha il miglior posizionamento, e in questo modo dare tutta la forza al miglior progetto, dandogli una grande spinta.

La mega nicchia, utile soprattutto per progetti di eCommerce

A volte si possono avere dei piccoli progetti di micro nicchie molto specifiche con un numero limitato di visite.

Perché non creare una mega-nicchia che li metta tutti insieme?

Puoi fare un mega sito web reindirizzando ciascuna di queste micro-nicchie in una sezione specifica del tuo sito concentrando tutta la link juice di questi piccoli siti in un singolo dominio.

Redirect 301 per la migrazione a Https

Uno dei reindirizzamenti che la maggior parte dei webmaster sta prendendo in considerazione negli ultimi tempi è quello di inviare il proprio sito web alla versione https (versione con certificato di sicurezza SSL).

Tutto questo è iniziato dopo che Google ha dichiarato che l’utilizzo di https sarebbe diventato uno dei fattori influenti della SEO e, come tutti sappiamo, in questo SEO tutto conta non importa quanto sia piccolo.

Quando esegui un reindirizzamento corri sempre dei rischi e uno di questi è perdere tutto ciò che hai per qualsiasi errore che potresti commettere. A volte anche senza commettere errori puoi avere dei problemi.

Questo è il motivo per cui è necessario prendere in considerazione se hai davvero bisogno del https oppure no.

Se la risposta è sì, vai avanti e inizia con la migrazione, ma ricorda di rendere tutto perfetto e rispettare la struttura dell’URL passando tutto da http a https senza commettere errori che potrebbero generarti centinaia di errori 404.

Conclusioni

Il punto più importante di un reindirizzamento è semplicemente il non commettere errori, non farli male per non essere penalizzati e soprattutto studiare molto bene il sito web che vuoi reindirizzare e il sito web che riceverà il reindirizzamento prima di farlo.

Ti aspetto nei commenti se ci sono domande!

Categorie: Seo

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *